• 0803219065
  • info@tuttoconsumo.com

Archivio mensilegennaio 2017

Bollette, da 2018 stop a mercato tutelato. Regalo alle aziende energetiche? Iniziamo a metterci insieme per acquistarla ad un prezzo competitivo.

Con l’addio alle tariffe fissate dall’authority, secondo noi di Tuttoconsumo, i costi aumenteranno. I reclami dimostrano che sul mercato libero sono ancora frequenti pratiche commerciali scorrette, pubblicità ingannevoli e lentezze nel passaggio da un operatore all’altro. Via all’azione calmierante dell’Acquirente unico, che consente anche ai clienti tutelati la partecipazione al mercato all’ingrosso a prezzi concorrenziali. Per questo dobbiamo metterci insieme per aver maggior potere d’acquisto e difenderci dalle speculazioni. Oggi il mercato di luce e gas è insidioso. I prezzi sono tra i più alti d’Europa, le bollette sono offuscate e non è chiaro cosa si stia pagando, c’è poca trasparenza nelle offerte, poca concorrenza e sono frequenti le pratiche commerciali scorrette, allora, non perdiamo questa occasione, mettersi insieme per essere più forti, basta compilare il form per diventare soci. Forza, uniti si vince.

Dal primo gennaio 2017, l’Autorità ha previsto un aumento del 30% del bonus sociale, per famiglie in condizione di disagio economico.

Il bonus sociale è un’agevolazione che l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico ha stabilito per le famiglie in condizioni di disagio economico, per le famiglie numerose e per coloro che soffrono di malattie, che li obbliga a rimanere collegati a macchinari elettromedicali. Possono richiedere il bonus i clienti residenziali, intestatari di un contratto di energia e che abbiano tutte le caratteristiche necessarie, per rientrare nella categoria di disagio economico o fisico. Hanno la possibilità di richiedere questo aiuto economico i clienti che hanno un contratto attivo. Il bonus, come strumento di sostegno alle famiglie disagiate, è stato introdotto dal Governo con il DM 28/12/2007 e reso operativo dall’Autorità, in collaborazione con i Comuni. Dal primo gennaio 2017, con il decreto del ministero dello Sviluppo Economico del 29 dicembre 2016, è entrata in vigore la riforma del bonus elettrico e del gas, che prevede lo sconto fino al 30% sulla bolletta e l’aumento della soglia di reddito ISEE. Se da un lato aumenta il valore del bonus dall’altro aumenta anche la soglia di reddito per l’accesso al bonus stesso, che passa da 7.500 € a 8.107,50€. L’aumento della soglia di reddito vale solo per famiglie con meno di 3 figli a carico, poiché per i nuclei con più di 3 figli il limite resta invariato e fissato ad un massimo di 20.000€ annui. Lo sconto verrà erogato attraverso una riduzione applicata sulle bollette nei 12 mesi successivi a quello della domanda.

Boom psicofarmaci per i bambini e adolescenti: italiani primi in Europa.

Gli scienziati e i medici in Germania mettono in guardia su un trend pericoloso

Il problema di molti genitori spesso, è quello di avere un figlio che si sveglia mediamente la notte ogni 30-60 minuti, e non nei primissimi mesi, ma anche intorno all’anno e oltre. Parecchi genitori hanno riscontrano miglioramenti e sono tornati a dormire dopo aver somministrato ai piccoli ‘insonni’ farmaci a base di niaprazina.

Naspi più lunga per i lavoratori stagionali

Incremento di un mese della Nuova Assicurazione Sociale Per l’Impiego ai lavoratori del settore turismo e degli stabilimenti termali. La “proroga” spetta a condizione che il lavoratore abbia diritto ad almeno 12 settimane di prestazione.

Le novità del decreto legislativo che inquadra il Jobs Act 2

Nuova procedura di comunicazione preventiva dei voucher per il lavoro accessorio; introduzione di misure in materia di ammortizzatori sociali, ordinari e in deroga; incremento della Naspi a favore dei lavoratori stagionali; inasprimento delle sanzioni per mancata osservanza della disciplina del collocamento obbligatorio dei disabili.